La politica agricola comune in europa: origine e obiettivi

10 Novembre 2020

Origine della Politica Agricola Comune. 

La Politica agricola comune (PAC) fu concepita dopo la fine della seconda guerra mondiale in Europa. Il suo obiettivo era quello di assicurare cibo in quantità sufficiente per nutrire i popoli europei dopo anni di devastazione pressoché totale del continente, oltre che per garantire un reddito dignitoso agli imprenditori agricoli che, grazie alla totale copertura dei costi e ad un margine utile adeguato, non avrebbero cercato fortuna scegliendo di emigrare verso le città più industrializzate. La PAC può essere considerata come la prima vera e proprria politica europea, giustuficata dal fatto che il settore agricolo fu giustamente ritenuto di rilevante importanza strategica per lo sviluppo dei Paesi membri. 

Peculiarità del settore agricolo. 

La peculiarità che contraddistinguevano il comparto agricolo hanno fatto in modo che l’agricoltura diventasse il settore produttivo maggiormente integrato a livello europeo, quello in cui l’azione della comunità sosteneva con maggior forza l’azione dei singoli Stati membri allo scopo di assicurare gli approvvigionamenti alimentari alla popolazione. Sull’agricoltura, attraverso la PAC, è stata costruita l’unità stessa degli Stati e dei popoli europei; infatti, i sei Paesi che costituirono il Mercato Europeo Comune erano, come sopra enunciato, appena usciti dalla guerra e la popolazione aveva conosciuto gravi carenze alimentari che non erano ancora state colmate.

Il problema dell’approvvigionamento di materie prime.

Le condizioni in cui sopravvivevano gli europei erano veramente dure da sopportare per molti strati della società, particolarmente nel caso della Germania che guidava il triste primato di Stato nel quale il problema della fame si era protratto fino alla metà degli anni cinquanta. Tuttavia, anche le popolazioni degli altri Stati futuri membri non vivevano certo tra le abbondanze, che poterono essere rese disponibili solo nel decennio successivo, quello del cosiddetto “boom economico”. Rimanevano inoltre alcuni problemi: in particolare, la “guerra fredda” tra USA e URSS rese chiaramente l’dea di quanto sarebbe stato difficile assicurarsi materie prime a causa dei blocchi incrociati nel transito delle merci.

Enzo Prato
project financing

email: eprato@albatros.uno
Telefono: 349.7003402
Titolo di studio: laurea in economia

I Numeri: 

La Comunità Economica Europea 

  • La Comunità Econimica Europea (CEE) fu costituita in virtù dell’accordo firmato a Roma il 25 marzo 1957 (Trattato di Roma) dai rapptesentati di 6 Stati: Belgio, Francia, Italia, Lussemburgo, Olanda e Repubblica Federale Tedesca (BRD).

Gli ostacoli al conseguimento di una politica unitaria europea

  • Il tradizionale nazionalismo ed i contrastanti interessi economici hanno frenato fin dall’inizio lo sviluppo di una politica unitaria fra gli Stati membri della CEE. In più occasioni i Governi degli Stati membri non si sono mostrati capaci di elaborare una politica unitaria su questioni sia economiche che politiche.

Albatros S.r.l.s
Piazza Tola, 41
07100 – Sassari (SS)
driver@albatros.uno
Tel. 079 237489
P.iva 02663180905

Privacy Policy Termini e Condizioni