Proposte volte alla realizzazione di progetti “faro” di economia circolare, da finanziare nell’ambito del PNRR, misura 2, componente 1, investimento 1.2.

graph and line chart printed paper

NOME BANDO

Proposte volte alla realizzazione di progetti “faro” di economia circolare, da finanziare nell’ambito del PNRR, misura 2, componente 1, investimento 1.2. Finanziato dall’unione europea – next generation eu- Ministero transizione ecologica.

AREE TEMATICHE OGGETTO DI FINANZIAMENTO

AVVISO M2C.1.1 I 1.2
Linea d’intervento A

“Ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e realizzazione di nuovi impianti per il miglioramento della raccolta, della logistica e del riciclo dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche c.d. RAEE comprese pale di turbine eoliche e pannelli fotovoltaici”.

AVVISO M2C.1.1 I 1.2
Linea d’intervento B

“Ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e realizzazione di nuovi impianti per il miglioramento della raccolta, della logistica e del riciclo dei rifiuti in carta e cartone”

AVVISO M2C.1.1 I 1.2
Linea d’intervento C

“Realizzazione di nuovi impianti per il riciclo dei rifiuti plastici (attraverso riciclo meccanico, chimico, Plastic Hubs), compresi i rifiuti di plastica in mare cd. Marine litter”

AVVISO M2C.1.1 I 1.2
Linea d’intervento D

“Infrastrutturazione della raccolta delle frazioni di tessili pre-consumo e post consumo, ammodernamento dell’impiantistica e realizzazione di nuovi impianti di riciclo delle frazioni tessili in ottica sistemica cd. “Textile Hubs”

TERRITORIO RIFERIMENTO

Nazionale

SCADENZA

periodo per la presentazione delle Proposte è suddiviso in 2 fasi:

  • la prima, a partire dal 24 novembre 2021, in cui saranno pubblicati i fac-simile della Proposta sul sito istituzionale del MiTE;
  • la seconda, di presentazione della Proposta sulla Piattaforma, a partire dal 14 dicembre 2021 ed entro e non oltre il 14 febbraio 2022.

OBIETTIVO

La misura oggetto del presente Avviso mira, a colmare i divari strutturali, che ostacolano lo sviluppo del settore dell’economia circolare, incrementando, altresì, l’occupazione e migliorando l’impatto ambientale il miglioramento della rete di raccolta differenziata, compresa la digitalizzazione dei processi e/o della logistica, e degli impianti di trattamento/riciclo nei settori produttivi individuati nel Piano d’Azione per l’Economia Circolare varato dall’UE, tra i quali il settore dell’elettronica e ICT, della carta e del cartone, delle plastiche e dei tessili.

BENEFICIARI

a) le imprese che esercitano in via prevalente le attività di cui all’articolo 2195, numeri 1) e 3) del codice civile, ivi comprese le imprese artigiane di produzione di beni di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443;

b) le imprese che esercitano in via prevalente le attività ausiliarie di cui all’articolo 2195, numero 5), del codice civile, in favore delle imprese di cui alla precedente lettera a).

COSA FINANZIA

progetti “faro” volti all’ammodernamento (anche con ampliamento di impianti esistenti) e alla realizzazione di nuovi impianti per il miglioramento della raccolta, della logistica e del riciclo dei rifiuti relativi a ciascuna linea di azione

INTENSITA’ AGEVOLAZIONE

35 % dei costi ammissibili contributo a fondo perduto + 20 punti percentuali per gli aiuti concessi alle piccole imprese e  10 punti percentuali per gli aiuti concessi alle medie imprese  

APPROFONDIMENTI

Gli Interventi o gli Interventi Integrati Complessi oggetto delle Proposte dovranno essere ultimati e collaudati entro e non oltre il 30 giugno 2026